C.R.A.Z.Y.

C.R.A.Z.Y.Zachary Beaulieu è nato il 25 dicembre 1960. Già questo basta a renderlo molto speciale, in una famiglia super religiosa. Se ci aggiungiamo una strana macchia biancastra su capelli nero corvino, una sensibilità profonda, una propensione per i giochi da bambina e una devotissima mamma convinta che il suo piccolino abbia il dono di far guarire i malati, il quadro è completo. Come se non bastasse, Zac è il quarto di cinque fratelli maschi, tutti molto diversi gli uni dagli altri. C’è l’arrogante trasgressivo, il secchione intellettuale e il fissato con lo sport. Mentre prova a integrarsi, Zac cresce e cerca la sua strada, tra la passione per il rock, i primi esperimenti sessuali e un padre ossessionato dalla virilità.
Un piccolo e indipendente gioiellino di formazione che racconta il difficile passaggio all’età adulta di un adolescente, come molti altri, in cerca di se stesso. Un diario di crescita narrato in prima persona dalla voce fuori campo dello stesso protagonista, espediente che vivacizza il racconto con una brillante ironia e una tenera autoironia che spinge a una totale, divertita e partecipe identificazione con il personaggio. Il regista canadese Jean-Marc Vallée adotta Zac già al momento della nascita, per abbandonarlo solo al raggiungimento di una piena maturazione, che passa per una dolorosa e tortuosa consapevolezza del proprio essere e per l’autoaccettazione, prima ancora che l’accettazione altrui. In mezzo ci sono tutta una serie di vicende, conflitti, scontri, rivelazioni, shock, gioie e dolori che ogni famiglia attraversa. Situazioni che possono cementificare i legami di sangue, oppure spezzarli per sempre. Il merito del regista è di non scivolare mai nella banalità o nel luogo comune, mantenendo un punto di vista brillante, vivace e leggero, persino nei momenti di maggiore intensità drammatica, resi autentici dall’ottima interpretazione degli attori, all’altezza della riuscita caratterizzazione psicologica dei personaggi.
Oltre al tono della narrazione, anche lo stile visivo dell’opera ricerca soluzioni non banali, che si appoggiano a un uso marcato del colore. Del resto, il film è ambientato negli anni – Sessanta, Settanta e primi Ottanta – in cui si è formata l’estetica pop e il regista ce lo ricorda pure con i riferimenti alle mode dell’epoca. E soprattutto con la musica. La colonna sonora gioca, infatti, un ruolo importantissimo, contribuendo in favore dell’ottima riuscita del film. Così, mentre il padre, ogni Natale, si esibisce sulle note di “Emmenez-moi” di Charles Aznavour, il figlio perde se stesso nelle intime atmosfere di “Space Oddity” di David Bowie e il loro rapporto di amore e odio segue i crinali di “Crazy” di Patsy Cline. La passione rock di Zac passa anche per i Rolling Stones e i Pink Floyd, come in ogni percorso di crescita che si rispetti nei ribelli anni Settanta. E mentre la vita prende pieghe inaspettate e colpisce con le sue batoste, la musica è sempre lì, pronta a commuovere con le sue vibrazioni, a consolare quando manca una spalla su cui piangere e a sorreggere quando c’è una perdita da affrontare o una dolorosa verità da accettare. Per poi ripartire verso nuovi orizzonti, in quel difficile e tormentato ma straordinario cammino che è la vita… Fonte Trama

 

 

 

 

Guarda il Film Completo:

Guarda il Trailer:

Versione: DVDRip – Voti: Audio 8 – Video 8
Streaming:
Speedvideo
FlashX
Nowvideo

Download:
Tusfiles
Nowdownload
Rapidgator
Easybytez

109
-
Rates : 0

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com